CasatiConsiglio ComunaleLega Paderno Dugnano

No signor sindaco, cosi non và

Il comunicato della Lega del 31 ottobre 2019
Comunicato Lega Paderno Dugnano

“Vada a risentire l’intervento che lei ha fatto e si faccia un esame di coscienza, consigliere Boatto, perché per l’ideologia si può veramente vendere il cervello a Satana, vendere il cervello a Satana”

Con queste parole, offensive, (qui il link al video) il primo cittadino di Paderno Dugnano Ezio Casati si é rivolto al consigliere della Lega Francesco Boatto nel corso del Consiglio Comunale di mercoledì 30 ottobre.

Un’offesa non solo rivolta ad un credente che si é sempre distinto per il suo grande impegno a favore della legalità e dei temi riguardanti la famiglia ed i minori ma anche ai suoi, tanti, elettori.

Oltre al chiaro nervosismo del sindaco, che questa volta è andato veramente troppo oltre, emerge in tutta la sua evidenza la faziosità del Presidente del Consiglio Comunale Simona Arosio la cui condotta non tutela quella parte dei consiglieri che non rispondono alla maggioranza.

Articolo del Notiziario del 31/10/2019

Il tutto evidenziato anche dal non voler convocare un Consiglio Comunale specifico sulle interrogazioni, mozioni e ordini del giorno presentati dalla Lega (vedi il nostro articolo del 12/10/2019) e non ultimo spingere per non portare in discussione un OdG urgente della Lega riguardante l’utilizzo della dicitura Genitore 1 e Genitore 2 al posto di mamma e papà sui moduli del progetto “La stanza dei segreti” distribuito agli alunni della scuola secondaria di primo grado Allende

Tutto ciò ha fatto passare in secondo piano la discussione sulle linee programmatiche della maggioranza che in tutta onestà hanno evidenziato, se ce ne fosse ancora bisogno, la mancanza di una chiara visione sul futuro della città.